Contatti:

+43/1/877 77 75
 
Wunschbaby Institut Feichtinger

Basi giuridiche

Dal 1o luglio 1992 è entrata in vigore in Austria la cosiddetta "legge sulla medicina riproduttiva" (FmedG).

In linea di massima la procreazione medicalmente assistita è consentita soltanto alle coppie coniugate o conviventi con rapporto analogo al matrimonio e solo con atto di assenso scritto. Le coppie conviventi non coniugate devono rilasciare una dichiarazione con atto notarile o presentarsi dinanzi all'autorità giudiziaria. In Austria la fecondazione assistita è consentita solo quando, secondo le attuali conoscenze scientifiche e l'esperienza, tutti gli altri trattamenti possibili e accettabili di induzione di una gravidanza mediante rapporto sessuale sono falliti o sono vani.

Le tecniche di procreazione medicalmente assistita ammesse dalla legge austriaca (FmedG) sono:

  • introduzione di spermatozoi nell'utero della donna
  • unione di ovociti e di spermatozoi fuori dal corpo umano
  • introduzione nell'utero della donna di ovociti, ovociti fecondati e cellule da essi originate
  • introduzione nell'utero della donna di ovociti (con o senza spermatozoi)

In tutte queste metodiche è possibile utilizzare esclusivamente ovociti, ovociti fecondati e cellule da essi originate della donna da cui sono stati prelevati. Per la fecondazione degli ovociti è inoltre possibile utilizzare esclusivamente il liquido seminale del coniuge o del convivente.

Se però gli spermatozoi del coniuge o del convivente non sono adatti alla riproduzione, è consentito introdurre nell'utero della donna spermatozoi di terzi (un donatore) mediante inseminazione, previa dichiarazione di assenso di entrambi i partner con atto notarile o presentandosi dinanzi all'autorità giudiziaria.